storia

YouAid nasce nel luglio del 2008 nel villaggio di Ulete, in Tanzania, grazie a Michele Tranquilli in collaborazione con Agnese Cecchini e Marisa Fossa. I tre sviluppano l’idea della “partecipazione attiva e condivisa” e, ai fini di finanziare la costruzione di un asilo, decidono di scrivere ad amici e parenti, invitandoli a mobilitarsi per darsi da fare subito, senza perdite di tempo e complicazioni burocratiche. A Firenze, Mantova e Tortona nascono i primi tre nuclei di “amici” che cominciano a darsi da fare e a condividere la loro buona volontà.

A sette mesi da quel giorno, nel villaggio di Ulete, nasce una scuola in grado di ospitare cento venti bambini, due maestre specializzate, sufficiente materiale scolastico, servizi igienici ed un pasto caldo al giorno, fornito dall’ordine locale di suore.
La scuola di Ulete, a detta dei funzionari governativi, è una delle migliori della regione di Iringa.
Dopo tre anni sono circa 100 i bambini che hanno usufruito della struttura, avendo così l’opportunità di proseguire i propri studi con un’ottima preparazione.

Nel 2009, grazie all’acquisto di cinque macchine da cucire, nasce sempre ad Ulete una cooperativa tessile che fornisce lavoro a dieci donne del villaggio. L’apertura di tale cooperativa ha fornito alle donne del villaggio i mezzi necessari per produrre le divise scolastiche per molte delle scuole della regione e così facendo ha garantito un utile adeguato per le loro famiglie.
Nello stesso periodo gli sforzi si sono spostati nel villaggio di Mahuninga, dove la mancanza di strutture sanitarie rendeva le condizioni di vita inaccettabili. Viene rilevato a costo zero lo “scheletro” di un ospedale, opera iniziata da  un’organizzazione italiana e poi abbandonata. Grazie ai fondi raccolti si comincia il restauro e, stanza per stanza, si inizia ad acquistare il materiale necessario. La ricerca di personale medico locale si ferma all’ordine delle Suore Teresine, che accettano volontariamente di fornire personale specializzato e di gestire interamente la struttura.

Ad oggi, l’ospedale di Mahuninga è composto da: pronto soccorso, ambulatorio, dispensario, sala visite, sale di degenza con trenta posti letto, reparto maternità. Sono attualmente in costruzione il reparto vaccinazioni e “counselling”, e la casa per il personale sanitario.
In diciotto mesi di lavoro, la struttura ha già curato più di 4.000 pazienti, nonostante non fosse ancora formalmente aperta. Dopo tre anni dall’inizio dei lavori si stima che ogni abitante del villaggio abbia utilizzato in media tre volte i servizi offerti dalla struttura. Sono presenti sul posto un medico di base, due infermiere specializzate, una caposala, un’assistente e una laboratorista.

 

 

    About the Author

    Foto del profilo di michele